Referente Prof.ssa Maria Centrella

 

Per le istituzioni scolastiche ed educative la vigente normativa sulla sicurezza prevede l´applicazione delle stesse norme che valgono per i luoghi di lavoro.

L´obbligo di adeguare le scuole alle prescrizioni europee in tema di salute e sicurezza nasce da una duplice esigenza: quella di ottenere una "scuola sicura" e quella di divulgare una "cultura della sicurezza" proprio nell´ ambiente in cui vengono formati i lavoratori del futuro. La scuola infatti non può esimersi, in quanto istituzione, dal costituire un momento propulsivo per la condivisione dei valori di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

 

 

NORMATIVA

La normativa inerente la sicurezza all´interno degli istituti scolastici è molto articolata, essa riguarda le norme antincendio, la sicurezza negli impianti, l’abbattimento di barriere architettoniche, l’organizzazione della sicurezza etc.

Il testo di riferimento è il Testo Unico sulla Salute e Sicurezza sul lavoro, conosciuto, anche, come Decreto legislativo n.81 del 9 aprile 2008;  si tratta di un insieme di norme e regole che disciplinano le materie relative alla sicurezza e alla salute nei luoghi di lavoro.

 Rispetto alla precedente legislazione, il Decreto Legislativo 81/08 ha segnato diverse innovazioni in questo campo, tra cui:

  • il concetto che il rischio deve essere eliminato e, dove non è possibile ridurlo a zero, limitarlo il più possibile, con ogni mezzo a disposizione,
  • un’analisi continua delle misure utilizzate per limitare il rischio, al fine di comprenderne l’efficacia e, in caso, eseguire aggiustamenti,
  • un’opera costante e sistematica d’identificazione del rischio,
  • l’analisi dell’impresa nel suo complesso, così da analizzare ogni suo ambito, da quello tecnologico a quello manageriale, al fine di individuare ogni possibile fonte di rischio per i lavoratori,
  • il decreto ha poi identificato chiaramente le figure obbligatorie che devono essere nominate nell'Amministrazione precisandone compiti e responsabilità.

Recentemente il Decreto Lgs. 81/08 è stato integrato dal Decreto Lgs. 106/2009 - “Disposizioni integrative e correttive del decreto 9 aprile 2008, n.81”-  in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Ulteriori integrazioni arrivano costantemente dalle Conferenze Stato-Regioni, da cui è nato l’, ha implementato nuove disposizioni per ciò che riguarda la formazione per la sicurezza sul lavoro di datori di lavoro RSPP, lavoratori, preposti e dirigenti.

Il Dirigente, gli Insegnanti, il personale ATA e gli studenti dell'Istituto Alberti sono costantemente formati e aggiornati in materia attraverso la partecipazione a corsi specialistici dedicati, tenuti da Docenti e/o Professionisti esperti.

Recentemente, per tutti gli studenti che effettuano lo stage è stata realizzata una formazione interna sulla sicurezza (4 ore) alla luce degli artt. 2, 36 e 37 del Decreto Lgs. 81/2008. Per tutti coloro che svolgono lo stage in Italia, e quindi sono soggetti alla normativa nazionale, è stata svolta una formazione specifica facendoli frequentare un corso di Antincendio (8 ore) o di Primo Soccorso (12 ore) che li equiparano ai lavoratori di qualsiasi azienda.

Potete consultare il testo completo del Decreto legislativo n. 81/2008 integrato dal Decreto legislativo 106/2009, mentre in allegato pubblichiamo  i files che i nostri Docenti formatori utilizzano durante gli incontri di aggiornamento sulla "Sicurezza nella Scuola" con gli allievi dell'Istituto Leon Battista Alberti.


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.